“MIRACOLI”

Settembre 8, 2019 1 Di Francesco Cappello

articolo pubblicato su Iskrae.eu

articolo pubblicato su Scenari economici

articolo pubblicato su Sovranità Popolare.org

sinistra in rete

Ora che la crisi economica ha colpito la Germania sembra che si possa chiedere maggiore flessibilità per avere più ampi margini di manovra per le operazioni di finanza pubblica. Improvvisamente fare spesa pubblica in disavanzo sembra diventare lecito.

È addirittura Mattarella a chiedere

“il necessario riesame delle regole del Patto di Stabilità

ossia la revisione dei vincoli europei i più famosi dei quali sono il limite del 3% del deficit e il 60% del rapporto debito/PiL.

Bene, che bello! Ci fa piacere. Era l’ora di metter fine alle politiche di austerity o di rimetterle almeno in discussione nelle alte sfere. 

O no!?

A pensare male, cosa si cela dietro l’ormai molto probabile ammorbidimento delle regole imposte dall’ordoliberismo?

I partiti “sovranisti” in realtà sembrano rassegnati a cedere la sovranità residua del nostro paese ai nascenti Stati Uniti d’Europa.
In questo nuovo contesto si attuerà lo svuotamento di ogni residua democrazia e della politica nazionale. Il Parlamento, che già oggi è svuotato di vero potere legislativo, sempre di più non farà altro che ratificare le direttive europee (chissà perché si chiamano così?) decise in realtà dai numerosissimi lobbisti, rappresentanti di interessi corporativi di multinazionali, agenzie finanziarie ecc. stanziali a Bruxelles, col compito di far valere i loro interessi di parte. Il parlamento europeo ha come si sa poteri assai limitati. È un simulacro di democrazia. Il vero potere risiedendo nella commissione, nel consiglio europeo e nella BCE, a loro volta controllati dagli emissari delle grandi banche d’affari private globali e i grandi fondi di investimento speculativo con cui sono interconnesse.


Tutto questo è coerente con l’invito alla Commissione Trilaterale in Quirinale che fu il primo atto di Mattarella appena insediato. La Trilaterale, che è una sorta di pensatoio della grande finanza internazionale, già negli anni 70 “suggeriva” che i nostri guai e in generale quelli dei paesi europei si dovessero individuare nell’eccesso di democrazia e di potere concesso alla classe operaia dalle costituzioni antifasciste del dopoguerra.


L’Italia rischia di diventare una macroregione europea, in cui non si deciderà più nulla, nella logica del “vincolo esterno” teorizzato da Guido Carli, secondo cui noi italiani, per il nostro bene, avremmo bisogno di guida europea perché incapaci di amministrare la cosa pubblica, essendo generalmente vagabondi, spreconi e corrotti… La propaganda in tal senso, di cui è vittima una grande maggioranza degli stessi italiani, ha svolto un ruolo preparatorio all’accettazione di tali «scelte».
Il numero dei parlamentari potrà essere ridotto (Casaleggio junior lo pensa come una struttura ormai desueta…) nel segno della affermazione definitiva della governance europea sul nostro Paese in accordo con quanto previsto dal piano atlantico P1 e dal piano di «rinascita democratica» P2.


Nella logica della «armonizzazione» dei sistemi fiscali europei ci toglieranno anche la sovranità fiscale, vero motivo per cui minibot, ccf, statonote, che la presuppongono, sono strumenti di cui non si sentirà più parlare (il primo è scomparso dal nuovo programma di governo). Decideranno loro quante e quali tasse dovremo pagare per il nostro bene, quali riforme strutturali sarà necessario portare a compimento, senza più esitazioni. La Costituzione che sulla carta sarebbe stata sovraordinamentale rispetto ai Trattati sarà definitivamente stracciata.


Lo smantellamento degli stati nazionali, quale strumento di politica estera egemonico-imperiale si può ottenere con guerre ed embarghi (vedi Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria, ecc. prossima candidata l’Iran), secondo la dottrina Rumsfeld/Cebrowski (1) e contemporaneamente con altri mezzi si raggiunge il fine di sfruttamento estrattivo delle risorse, quale variante della dottrina Trump/Pompeo (2), sostenuta da Casa Bianca, CIA e dipartimento di Stato, miranti in particolare al controllo del mercato mondiale dell’energia. La costruzione europea e la applicazione delle due dottrine, adattate al contesto, hanno consentito la sottomissione al dominio finanziario speculativo internazionale, e la malleabilità dell’area europea, come un tutt’uno, a soddisfazione, in tempo reale, degli interessi statunitensi. Gli Stati Uniti d’Europa sono lo strumento del potere USA-NATO che hanno trasformato i paesi europei in un’arma da brandire nello scontro con Russia e Cina. Francesi e tedeschi hanno tentato di divincolarsi con l’accordo di Aquisgrana e l’avvicinamento, soprattutto alla Cina, ma il successo dell’operazione è assai incerto. Gli USA sotto il dominio di quel deep state costituito dal domino finanziario americano e dalla sua casta militare, che Eisenowher chiamava il complesso militare industriale e politico, sanno da tempo che un altro ordine mondiale, tendente a tirarli giù dal piedistallo della posizione egemonico-imperiale che occupano dal dopoguerra, preme e si afferma a velocità crescente un giorno dopo l’altro a vantaggio di Russia e Cina (e India). In questa lotta fra titani, che è in corso da tanto ormai, l’Europa non deve rischiare di stare dalla parte sbagliata. All’Unione europea non sarà concesso di giocare un ruolo autonomo in questa partita. Da tempo, infatti, l’Europa occidentale malgrado cerchi di divincolarsi è stata costretta a rimanere affiancata agli USA, tenuta distante dalla URSS prima e dalla Federazione Russa oggi, sottoposta al comando USA-NATO formatosi nell’immediato dopoguerra, mentre l’Europa occidentale è stata convertita ai bisogni NATO, post guerra fredda, che si è allargata pericolosamente ad Est installando basi militari sino al confine con la Russia, con il beneplacito e il consenso dell’Unione europea che ha svolto, masochisticamente, in questa direzione, un ruolo catalizzatore decisivo. La necessità della costruzione europea si palesa oggi sempre più chiaramente in funzione del suo ruolo anti sovietico prima e anti Russia e Cina oggi.

La Cina lo ha capito da tempo. La sua corsa agli armamenti ha già raggiunto un quarto della spesa militare americana. La Russia, molto più europea che asiatica, forzata dalle politiche europee a stringersi nell’abbraccio con la Cina ha rimesso in piena efficienza e rinnovato a pieno ritmo il suo sistema militare. Il recente ritiro definitivo degli USA dal trattato INF, avallato dall’Ue, sugella l’aggressività crescente verso l’Est. I recenti documenti americani «Nuclear Operations» e il «Providing for the Common Defence» (3) lo confermano. Il primo sdogana l’uso di armi nucleari a potenza ridotta declassandoli quali armi convenzionali utilizzabili per la soluzione di impasse militari particolarmente difficili, il secondo constatando come il nuovo nemico non sia più da individuare nell’estremismo islamico ma nel duo Russia-Cina. Tutto ciò mette in primo piano la guerra che su scala internazionale si sta preparando a grande velocità, esito inevitabile delle politiche liberiste, come sapevano bene i nostri costituenti che avevano architettato la nostra carta perché non accadesse che il dogma economico liberista, che aveva portato alle grandi crisi, ai totalitarismi e alle grandi guerre globali avesse a riaffermarsi. I popoli europei devono capire in tempo che hanno un compito difficile, ma urgente, necessario e vitale, ossia rendersi capaci di svincolarsi dai vincoli rappresentati dal comando USA-NATO e dalla morsa delle istituzioni europee create apposta per irretire il vecchio continente.

Occorre una vera politica di pace perché da tempo in preparazione la guerra e si rischia di vedere la luce atomica sul territorio europeo, ecco perché occorre svincolarsi dalla morsa atlantica e chiedere autonomamente una conferenza internazionale, una nuova e democratica Bretton Woods che rimetta in discussione il sistema monetario internazionale e la finanza di guerra (4) nel tentativo di uscire prima possibile dal vicolo cieco evolutivo in cui l’umanità si sta cacciando a velocità sempre più elevata.

(1) The Pentagon’s New Map, Thomas P. M. Barnett, Putnam Publishing Group, 2004. “Gli Stati Uniti e il loro progetto militare mondiale”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 24 agosto 2017.

(2) “Mike Pompeo Address at CERAWeek”, by Mike Pompeo, Voltaire Network, 12 March 2019. “Geopolitica del petrolio al tempo di Trump”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 9 aprile 2019.

(3) https://www.francescocappello.com/2019/07/13/quali-scenari-dietro-le-quinte-del-conflitto-con-la-persia-iran-quanto-e-probabile-lo-scoppio-di-una-terza-guerra-mondiale/

(4) https://www.francescocappello.com/2019/08/30/sottozero/

Please follow and like us:
error